Cos’è l’urologia?

L’urologia è una branca specialistica medico-chirurgica che si occupa dello studio e della salute dell’apparato urinario maschile e femminile e dell’apparato genitale maschile.

Apparato urinario umano: come è fatto?

L’apparato urinario umano si compone di reni, vescica, uretra e ureteri – sia negli uomini sia nelle donne – ed è preposto a svolgere la funzione della minzione, cioè la formazione e l’eliminazione delle urine. Di seguito alcune informazioni sugli organi menzionati.

  • Reni – sono gli organi principali dell’apparato urinario, sono due e si trovano al lato destro e sinistro della cavità addominale. La loro funzione primaria è quella di filtrare le sostanze dannose, estranee e di scarto presenti nel nostro sangue e di trasformarle in urina;
  • Vescica – è un organo cavo, muscolare, sito nell’area pelvica, dove si accumula l’urina da espellere;
  • Uretra – è un dotto tubolare che connette la vescica al meato urinario; attraverso di essa, si effettua l’espulsione dell’urina. Negli uomini, l’uretra è più lunga rispetto alle donne, dato che attraversa l’organo genitale maschile;
  • Ureteri – sono due condotti indipendenti che collegano i reni alla vescica.

Apparato genitale maschile: com’è fatto?

L’apparato genitale maschile è finalizzato alla riproduzione e si compone di pene, prostata, testicoli, dotti deferenti, vescicole seminali ed epididimi.
Nel dettaglio:

  • Pene – è l’organo deputato alla copulazione. Esso provvede all’eiaculazione – cioè l’espulsione dello sperma – attraverso l’uretra;
  • Prostata e vescicole seminali – si tratta di ghiandole preposte alla produzione del liquido che, con l’aggiunta degli spermatozoi, costituisce lo sperma o liquido seminale, necessario alla fecondazione dell’ovocita femminile;
  • Testicoli – contenuti in sacche dette scroto, i testicoli sono le gonadi maschili e sono dunque preposte alla produzione degli spermatozoi e degli ormoni sessuali, in particolare il testosterone;
  • Dotti deferenti – sono i canali che collegano gli epididimi e le vescicole seminali, trasportando in queste ultime gli spermatozoi maturi;
  • Epididimi – sono anch’essi canali che servono come deposito per la maturazione degli spermatozoi.

Urologia: cosa cura?

Con una visita urologica, indolore e non invasiva, effettuata dall’urologo, è possibile individuare, analizzare e intervenire tempestivamente sulle malattie che possono colpire l’apparato urinario maschile e femminile o l’apparato genitale maschile.
Tra le prime, le più comuni sono:

  • Infezioni urinarie – possono colpire una struttura o un organo dell’apparato urinario umano e si dividono in: cistite (infezione che colpisce la vescica), uretrite (infezione dell’uretra), pielonefrite (infezione che colpisce i reni), ureterite (infezione a carico degli ureteri);
  • Cistite interstiziale – si tratta di una infiammazione della vescica, di natura non infettiva, che dà origine a dolore pelvico e disturbi durante la minzione;
  • Incontinenza urinaria – è un disturbo che comporta la perdita involontaria di urina;
  • Malattie renali – sono diverse. Tra esse: i calcoli renali, l’insufficienza renale, la glomerulonefrite, la nefropatia diabetica, il rene policistico, la sindrome nefrosica, l’idronefrosi;
  • Cistocele o prolasso della vescica – lo scivolamento della vescica verso il basso;
  • Vescica iperattiva – si tratta del bisogno urgente di urinare spesso;
  • Tumori a carico di una struttura o un organo dell’apparato urinario umano.

Per quanto riguarda l’apparato genitale maschile, l’urologia cura:

  • Varicocele – si tratta della dilatazione patologica delle vene testicolari, e può produrre un ristagno di sangue a livello dei testicoli;
  • Infertilità – sono tante le cause che possono portare all’infertilità maschile, cioè l’incapacità di ingravidare una donna fertile. L’urologia riconosce e affronta le potenziali cause di questo problema;
  • Impotenza o disfunzione erettile – è l’incapacità di avere o di mantenere l’erezione del pene;
  • Prostatite – è un’infiammazione della prostata. Può essere acuta batterica, cronica batterica, cronica non batterica e asintomatica;
  • Ipertrofia prostatica benigna o adenoma prostatico – si tratta di un ingrossamento della prostata non determinato da formazioni tumorali;
  • Tumore alla prostata – può essere di natura maligna o benigna; il rischio di insorgenza di tumore alla prostata aumenta con l’aumentare dell’età.

Molte altre patologie possono essere tempestivamente diagnosticate e curate attraverso una visita urologica.
Presso il Poliambulatorio PretMedica di Roma è possibile affidarsi a una struttura accogliente e attrezzata e a un team di medici specialisti altamente qualificati.

 

    Prenota una visita





    © Pretmedica | Direttore Sanitario Dr Francesco Pizzo | Autorizzazione Sanitaria n° G02391 del 4/3/2022